Antico, tra mito e archeologia - Scuola di italiano per Stranieri di Roma - Società Dante Alighieri

Martedì 5 aprile 2016 ore 17:00

Fulvia Strano terrà a Palazzo Firenze, nella Galleria del Primaticcio, una conferenza dal titolo: “L’Antico, tra mito e archeologia”.
La lezione si inserisce nel ciclo di incontri promosso dal Comitato di Roma sul tema della storia dell’arte in Italia nel secolo XVIII.
Tema centrale nell'evoluzione del pensiero e del linguaggio artistico del XVIII secolo, il fascino per l'Antichità classica rappresenta uno degli aspetti più complessi e interessanti del Settecento.
Le scoperte archeologiche di Pompei ed Ercolano, alla metà del secolo, avviarono infatti una stagione di indagini sempre più appassionanti che portarono ad una generale evoluzione del gusto, sempre più declinato sulle forme e le cadenze dell'Antichità classica. Repertori di oggetti e di decorazioni all'antica invasero il mercato antiquario, suggerendo nuove mode cui ispirarsi. Fiorente fu anche il mercato dei quadri di veduta con rovine e paesaggi all'Antica, con la variante assai frequente del cosiddetto 'capriccio'.
E se da un lato è corretto affermare che questa stagione abbia segnato l'inizio della moderna archeologia, dall'altro non si deve dimenticare una certa visione mitica e irrazionale dell'Antico, che accompagnò il passaggio tra Settecento e Ottocento, lasciando inalterata nel tempo la sensazione di un passato affascinante e perduto.