Stagione 2016/2017 - Storia dell’Arte: l’Ottocento - Scuola di italiano per Stranieri di Roma - Società Dante Alighieri

Il prossimo ciclo di incontri di Storia dell’arte affronterà il tema della pittura nell’Ottocento.
Riprendendo il discorso dal punto esatto in cui lo abbiamo lasciato lo scorso 3 maggio, l’argomento di avvio sarà l’età napoleonica con particolare riferimento alla situazione italiana e alle sue specifiche declinazioni stilistiche.
Il delicato passaggio dal classicismo al romanticismo, già introdotto lo scorso anno con la figura di Piranesi, sarà descritto attraverso gli esempi più significativi del ‘revival’ storicistico nelle arti, come adesione sentimentale ai temi della storia anche in rapporto alle tematiche risorgimentali sottese all’operato degli artisti.
Sebbene sia pressoché inevitabile affrontare il panorama dell’arte figurativa italiana dell’Ottocento in chiave regionalistica, durante gli incontri si cercherà di mettere a fuoco il carattere innovativo e propositivo di alcuni protagonisti del tempo mettendoli a confronto con le principali correnti artistiche straniere, per sottolineare la specificità e l’importanza del ‘fenomeno italiano’ a dispetto del mancato respiro internazionale della sua produzione.
Dunque la Scuola di Posillipo e il tema del paesaggio in genere non potranno prescindere dalla figura di Corot; mentre sarà naturale aprire alle immagini dell’Impressionismo francese parlando di Giovanni Boldini, De Nittis e Zandomeneghi. Stesso discorso varrà per i temi dell’orientalismo e delle derive simboliste nella pittura di Domenico Morelli.
Finalità degli incontri sarà, in definitiva, allargare quanto più possibile l’orizzonte critico della trattazione, partendo dalle opere per abbracciare i temi storici e sociali che attraversarono il secolo, preparando alle grandi trasformazioni linguistiche del Novecento.